Continua l’impegno per contrastare l’abbandono stradale dei rifiuti

Quasi 50 le multe elevate dall’inizio dell’anno per l’abbandono stradale dei rifiuti. Questi i primi dati del 2018 che mostrano l’impegno costante dell’Amministrazione nel contrastare un fenomeno che, per colpa di poche persone, rischia di compromettere il decoro urbano del paese oltre che la qualità del suo ambiente naturale.

Protagonisti di questo lavoro difficile ma certosino sono il personale della Polizia Locale, le guardie ecozoofile di Manziana e il personale della ditta incaricata della rimozione dei rifiuti. A tutti loro vanno i ringraziamenti più sentiti del Sindaco e dell’intera Amministrazione Comunale.

Il lavoro di squadra che si sta portando avanti, senza clamori ma con costante impegno, sta dando dei buoni risultati che speriamo siano ancora più evidenti in futuro grazie all’utilizzo delle foto trappole mobili – afferma il Sindaco Bruno Bruni – Percorrere le strade del paese e vedere qua e là dei rifiuti abbandonati non solo è una “pessima vetrina” ma un segnale che non rispecchia lo spirito profondo del nostro paese: i manzianesi, ma, permettetemi di dirlo, tutte le persone civili, amano il proprio territorio e, a maggiore ragione per questo, lo rispettano.

Coloro che invece con disprezzo ed in alcuni casi quasi per dispetto abbandonano sacchi di immondizia per strada sono semplicemente degli incivili che non hanno a cuore né il loro presente né il futuro delle nuove generazioni.

Rispettare l’ambiente, infatti, significa in primis rispettare sé stessi,a prescindere dalle sanzioni. Per questo mi auguro che con il tempo il numero delle multe scenda di pari passo con la diminuzione delle cosiddette discariche stradali abusive.

Di seguito le sanzioni pecuniarie previste per:

abbandono dei rifiuti: da un minimo di 300 euro ad un massimo di 3.000 euro

irregolare conferimento dei rifiuti: da un minimo di 25 euro ad un massimo di 500 euro

Nota: foto tratta dal sito www.consorziosmaltimentorsu.it

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *